NetX rete di imprese per il Facility Management

NetX Rete di Imprese per il facility management e l’efficientamento energetico

Il 28 luglio abbiamo costituito NetX Rete di Imprese,
la rete opera attraverso le Società associate e le collaborazioni.

 

bottainimanagement_logo_w
Bottaini Management S.r.l.
Viale G. Carducci 7, 40125 Bologna

Project e Facility Management
Sviluppo ed Efficientamento
Senior Advisor Nomisma
Partner Osservatorio Facility Management CRESME

 

natisoft_logo_w2

 

 

Natisoft S.r.l. 
Via Ugo Bassi, 15, 40121 Bologna BO

Sistemi Informativi
Sopralluoghi
Gestione operativa di Processi in outsourcing

 

M:GIUSEPPELOGO_PAOLOLOGOYS_05 Model (1)

 

YUPPIES SERVICES S.r.l.
Via Pescia,  315,  41126 Modena

Società di Ingegneria
Tecnico gare
Gestione operativa di Processi in Outsourcing

Cimitero di Casaglia di Monte Sole

Cimitero di Casaglia di Monte Sole rilievo con laser scanner a restituzione RGB.

Cimitero di Casaglia. Lo strumento

 

 

 

 

 

 

 

Obiettivo del lavoro restituire una nuvola di punti, ad alta definizione e a colori, che permetta la progettazione esecutiva del restauro.
Per una maggiore consapevolezza globale provvediamo alla pubblicazione con ICO3DN per navigare nel modello 3D.

 

“Il Parco regionale storico di Monte Sole è stato istituito nel 1989 ed è situato nella città metropolitana di Bologna. Si estende sul territorio compreso fra i fiumi Reno e Setta teatro, durante la Seconda guerra mondiale, del tremendo Eccidio di Monte Sole effettuato dai militi nazi-fascisti nel 1944. Il Parco Storico di Monte Sole si estende per quasi tutta l’area coinvolta nell’eccidio. L’istituzione di questa area protetta, oltre che la tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, ha come scopo il mantenere vivo l’interesse e la memoria di questo cupo pezzo di storia italiana, delle vicende della Brigata Partigiana Stella Rossa, attraverso la diffusione di una cultura di pace rivolta soprattutto alle giovani generazioni.
Il Parco copre un’area di circa 6.300 ettari compresa nel territorio dei Comuni di Marzabotto, Monzuno e Grizzana Morandi, i quali uniti alla Provincia di Bologna, al Comune di Bologna, alle Comunità Montane n. 10-Alta e Media Valle del Reno e n. 11-Cinque valli Bolognesi costituiscono il Consorzio di Gestione del Parco.[1]
Il territorio del parco si sovrappone quasi interamente con il sito di interesse comunitario Monte Sole”

fonte Wikipedia
leggi tutto

Storia e memoria di Bologna

 

 

Archivio Centrale dello Stato

Ci siamo aggiudicati la gara INAIL  per il rilievo BIM dell’ Archivio Centrale dello Stato.

L’attività prevede:

Rilievo topografico dell’area

Rilievo laser scanner esterno ed interno

Censimento impianti

Rilievo del quadro fessurativo

Restituzione BIM  Building Information Modeling

 

La sede dell’ACS è un edificio monumentale sito all’EUR, in piazzale degli Archivi 27, progettato dagli architetti De Renzi, Figini e Pollini, destinato originariamente a sede del Palazzo delle Forze Armate e successivamente della Mostra dell’autarchia, del corporativismo e della previdenza sociale nell’ambito dell’Esposizione Universale del 1942.
Il bando di concorso per i progetti venne emesso nel novembre del 1937 rinnovato nel giugno del 1938 in quanto la commissione giudicatrice non aveva ritenuto i progetti iniziali meritevoli di essere realizzati, nella seconda gara vennero scelti gli elaborati di De Renzi e Pollini vincitori ex-equo. I lavori di costruzione iniziarono nel settembre 1939 con lo scavo delle fondamenta.
L’edificio, di cui prima della guerra erano state eseguite solo le fondamenta e le strutture portanti, fu portato a termine negli anni cinquanta su iniziativa di Virgilio Testa, commissario straordinario dell’Ente EUR, apportando le modifiche necessarie per adattare il palazzo alle esigenze dell’Istituto. Negli anni novanta ha conosciuto una rilettura degli spazi interni: in occasione del 40º anniversario dell’istituzione dell’ACS sono stati inaugurati i nuovi locali destinati al pubblico (ingresso, sala di studio, biblioteca, sala convegni) progettati dall’architetto Giulio Savio. Gli ambienti, valorizzati da opere pittoriche e scultoree di Angelo Cucciarelli, Piero D’Orazio, Carlo Lorenzetti, Paolo Pasticci, si sono ulteriormente arricchiti negli ultimi anni grazie a donazioni di altri artisti contemporanei, andando a costituire un piccolo ma significativo nucleo museale.
Con decreto del 29 marzo 2004 della Sovrintendenza regionale per i beni e le attività culturali del Lazio l’edificio è stato dichiarato di interesse particolarmente importante

Fonte Wikipedia

YAP APPLICATIVO PER AGGIORNARE L’ANAGRAFE TECNICA

Abbiamo realizzato YAP l’applicativo, basato su tecnologie open source, per aggiornare le anagrafi tecniche.

YAP_logo

 

 

 

 

Ora è possibile acquisire il data base di una qualsiasi anagrafica tecnica esistente, aggiornare con dispositivi mobili i dati grafici ed alfanumerici ed ottenere una anagrafe tecnica storicizzata.

L’anagrafe tecnica realizzata può popolare la maggior parte dei sistemi gestionali.
YAP utilizza, per l’organizzazione dei dati, il Sistema YAC con il quale da oltre un decennio progettiamo e realizziamo tutte le anagrafi tecniche commissionate dai nostri clienti.
L’applicativo sarà utilizzato anche per i rilievi propedeutici agli audit energetici e la direzione lavori.

YAP, la schermata sul dispositivo mobile

YAP, la schermata sul dispositivo mobile

Il nuovo applicativo sarà in campo già da gennaio 2016 per anagrafi tecniche in Emilia Romagna e Puglia.

Buon lavoro

 

 

Laser scanner a colori

Questa è la scansione ottenuta con il nostro nuovo laser scanner a colori.
La restituzione dei colori permette di leggere e comprendere ancora meglio le superfici ed i volumi, il suo utilizzo con ICO3DN nella realizzazione di anagrafe tecniche 3d permetterà una navigazione fedele e ricca di dettagli.

diga_laserscanner_color_2014_w

 

Il patrimonio artistico italiano

Consip_FM3_polomuseale_corridoio_vasariano_2014_1

Corridoio Vasariano. Uffizi Firenze 2014

La realizzazione delle attività di consulenza gestionale e realizzazione delle anagrafi tecniche relative alla Convezione Consip FM3, ci ha permesso, se ce ne fosse stato il bisogno, di potere “toccare con mano” il valore straordinario del patrimonio monumentale ed artistico dell’Italia. Nell’immagine un momento della acquisizione con il laser scanner nel Corridoio Vasariano a Firenze.